top of page

Quando si perde tono

Può capitare, anche a chi fa attività fisica, di non riuscire a mantenersi più tonici come prima: leggi il post e scopri perché accade.


Eppure faccio tanto sport!

Il problema è che si tratta dell’atonia dei tessuti, diversa da quella muscolare: non dipende dalla tonicità dei muscoli, ma dalla qualità del collagene.

E no, fare palestra non tonifica la pelle.

E sì, si può far qualcosa per migliorare la situazione.


La lassità cutanea o ipotonia tissutale

Siamo di fronte a un naturale processo di invecchiamento caratterizzato da una visibile perdita di tonicità, nutrimento ed elasticità della pelle e conseguente cedimento dei tessuti, che assumono un aspetto flaccido o “effetto plissettato”.


Quando e come comincia il declino.

La produzione di collagene inizia a calare già intorno ai 25-30 anni, e alla formazione delle prime rughe fa seguito inevitabilmente anche il rilassamento cutaneo. Il processo fisiologico di invecchiamento può essere anche accelerato da abitudini di vita sbagliate come fumo, alcool, eccessiva esposizione solare o abitudini alimentari scorrette.


La lassità cutanea può anche essere la conseguenza di diete o cure cosmetiche non appropriate, di una perdita di peso troppo rapida, di squilibri ormonali, della pillola anticoncezionale e della menopausa.


Questo processo di invecchiamento cutaneo è dovuto ad un rallentamento del metabolismo dei fibroblasti che producono meno fibre di collagene ed elastina; inoltre, la diminuzione di acido ialuronico conduce inevitabilmente ad una cattiva idratazione dei tessuti, che peggiora ulteriormente la lassità cutanea.


I punti critici.

Le zone più colpite dalla lassità cutanea sono il seno, che diviene più rilassato, l’addome, che risulta più grinzoso, i glutei, l’interno coscia e delle braccia, che perdono tonicità.


I consigli di Anima Serena

In presenza di tessuti che perdono tono è molto importante, per cominciare, mantenere la pelle nutrita e idratata, allo stesso modo in cui sul viso si applica una crema anti-age.

Sarà quindi importante applicare una ricca crema corpo.

Ma c'è altro che si può fare: agire sulla perdita del collagene. Continua a leggere per scoprirlo




Trattamenti magici

Ci sono ben due tipi di trattamento che ti possono aiutare a mantenere giovane la pelle del tuo corpo.


Fotobiostimolazione: supporto rapido ed economico alla produzione del collagene

La seduta Collagen booster con la luce rosa è un vero e proprio bagno di giovinezza per la pelle di tutto il corpo, ed è una soluzione molto rapida, poiché dura solo 8 minuti, economica, e semplice: il funzionamento é il medesimo di una lampada abbronzante, anche se si tratta di un altro tipo di luce, e non ha alcun effetto collaterale.


Radiofrequenza: risultati visibili per esigenze mirate

Per le zone critiche, come ad esempio il seno un po' cadente, l'addome con effetto plissettato o l'interno coscia o il gluteo cedevole si può avere un buon risultato con la Radiofrequenza, un tipo di tecnologia apprezzata da anni nell' estetica per i suoi ottimi effetti ringiovanenti sia sul viso che sul corpo. La radiofrequenza attiva la microcircolazione gli interscambi cellulari e stimola inoltre la sintesi di nuovo collagene in sostituzione di quello danneggiato e può agire sulle smagliature sulla compattezza dei tessuti oltre che sulla cellulite laddove è presente.


Se hai un problema di mancanza di tono nei tessuti chiama 371 410 6150 e fissa un appuntamento: ti aiuterò a trovare la soluzione migliore per te.


bottom of page